Miglior clima e meno spreco

Imballaggio sostenibile

Sia quando ci impegniamo a rendere i nostri materiali di imballaggio più sostenibili, sia quando ci adoperiamo per ridurre le emissioni di CO2 o progettare tipi di packaging atti ad essere riciclabili, questi non sono nuovi obiettivi per noi. Ci stiamo lavorando da tanto tempo.

Produciamo miliardi di prodotti alimentari ogni anno, ognuno dei quali deve essere protetto da una propria confezione. È importante tenere bene in considerazione quanto l'imballaggio influisce sull'ambiente. Noi collaboriamo con i nostri fornitori, ricercatori e clienti maggiori per ridurre continuamente l'impatto ambientale dei nostri imballaggi, ad esempio aumentando la percentuale di materiali rinnovabili e sviluppando imballaggi riciclabili.

Grandi passi in avanti

Un ricco repertorio di innovazioni

Nel corso degli anni abbiamo intrapreso una lunga serie di azioni volte a diminuire l'impatto ambientale del nostro packaging. Tra le migliorie adottate, possiamo citare le riduzioni di peso delle confezioni, il passaggio a materie plastiche a base biologica, l'introduzione di materiali di riciclo e la sostituzione di materiali aventi un elevato tasso di emissione di gas serra.

La nostra prossima mossa consiste nel rendere più sostenibile oltre un miliardo di imballaggi in tutta Europa. In questo senso, 600 milioni di cartoni di latte fresco saranno prodotti da fonti rinnovabili e 500 milioni di vasetti di yogurt saranno relizzati in materiali riciclabili, con la conseguente riduzione delle emissioni di carbonio.

Stiamo riducendo la CO2

Riduciamo le emissioni di CO2 dai nostri imballaggi utilizzando meno plastica ottenuta da combustibili fossili e più da fonti rinnovabili.

In primo luogo, il nostro obiettivo è quello di utilizzare meno materiale, pur tutelando la sicurezza alimentare e garantendo la funzionalità richiesta dai consumatori.

In secondo luogo, il nostro obiettivo è quello di passare ad utilizzare materiali con minori emissioni di CO2.

 

 

Stiamo aumentando la riciclabilità

Gli imballaggi che utilizziamo devono essere riciclabili nei mercati principali in cui vendiamo i nostri prodotti e devono contenere percentuali maggiori di materiale riciclato; puntiamo al 100% di riciclabilità entro il 2025.

Stiamo continuamente migliorando il design del nostro packaging, in modo che possa essere convogliato attraverso i sistemi di gestione dei rifiuti presenti nei Paesi in cui vivono i nostri consumatori. Grazie a questa politica, essi potranno contribuire più facilmente ad un flusso più circolare della plastica nella società.

Il dilemma del packaging

Il nostro obiettivo di rendere gli imballaggi più sostenibili non è facile da raggiungere. Dobbiamo assicurarci che la confezione continui a proteggere il cibo e mantenerne la qualità e la freschezza per evitare sprechi alimentari. Non scenderemo a compromessi su questo. Allo stesso tempo, per apportare le modifiche necessarie ci affidiamo al progresso tecnologico, che ci consente di reperire il materiale giusto nel posto giusto al momento giusto e abbiamo bisogno del sostegno dei governi e degli enti locali per mettere in atto strategie e politiche tali da consentire ai consumatori ed a noi stessi di riutilizzare, riciclare e ridurre la quantità di imballaggi che circolano nella nostra società.

Leggi di più

Abbiamo già raggiunto l'obiettivo della nostra strategia ambientale per il 2020, cioè di ridurre l'impatto ambientale dei nostri imballaggi del 25% rispetto al 2005; questo si traduce in 123.000 tonnellate in meno di CO2.

Ma c'è molto altro che possiamo fare. Coerentemente con le nostre ambizioni di diventare Carbon Net Zero entro il 2050, stiamo anche ampliando ed intensificando i nostri obiettivi di sostenibilità applicabili agli imballaggi.

Tre modi per migliorare l'imballaggio

I nostri principi guida

  • Al fine di raggiungere il nostro obiettivo di Carbon Net Zero, Arla punta ad essere indipendente dalle energie fossili in futuro. Ciò richiede un passaggio dal carbone fossile, dal petrolio e dal gas a fonti di energia rinnovabile come l'eolico, il solare, il biogas e altri biocarburanti. Nel caso degli imballaggi, questo comporta un passaggio a materiali da fonti rinnovabili come le fibre di carta e le bioplastiche.
  • I principi dell'economia circolare spostano il nostro modo di pensare e di operare da un modello lineare a un modello ciclico, concentrandosi sul riutilizzo e sul riciclaggio, riducendo allo stesso tempo gli sprechi e l'uso non necessario delle risorse. Questo discorso si applica agli imballaggi ma vale altrettanto per il nostro latte, l'uso dell'acqua e i cicli di carbonio, azoto e fosforo.
  • Al fine di conseguire i nostri obiettivi e traguardi, è fondamentale ripensare il nostro modo di lavorare e promuovere la collaborazione su larga scala all'interno e tra le varie catene del valore. Arla non è in grado di realizzare le proprie ambizioni da sola. Dobbiamo puntare sullo spirito di cooperazione, collaborando con ricercatori e scienziati, nonché con fornitori e clienti per trovare nuove tecnologie e soluzioni per guidare i futuri processi dell'allevamento sostenibile.